Multe auto e bollo cancellati con la nuova sanatoria, segui le nuove regole ed eviti accertamenti | Occhio al Fisco

Multe e bollo saranno cancellati grazie alla sanatoria, scopriamo come ottenere questo beneficio, quali sono le regole e come farne domanda.

Per tutti coloro che hanno una posizione aperta con debiti da saldare questa è una buona notizia perché sarà possibile uniformare la posizione e soprattutto cancellare le pendenze.

 multe e bollo
Sanatoria per multe e bollo – Ossi Notizie.it

Tuttavia è utile ricordare che le regole per bollo auto e multe sono differenti e quindi anche la cancellazione grazie alla sanatoria avverrà secondo procedure che sono differenziate.

Multe e bollo auto: scatta la sanatoria

Il bollo auto è una tassa automobilistica dovuta che viene controllata in gran parte dall’Agenzia delle Entrate e solo in alcuni casi è gestita direttamente dalle Regioni. Il tariffario quindi varia ma tutti sono tenuti al pagamento del bollo per ogni veicolo viene è iscritto nel registro automobilistico.

Per i veicoli in leasing o usufrutto il costo dipende da cosa è stabilito in fase contrattuale. Coloro che non sono in regola con il pagamento del bollo auto praticamente omettono il versamento di una tassa, per le auto viene dato un ulteriore mese per saldare quanto dovuto altrimenti scattano le sanzioni e quindi si accresce l’importo nel tempo.

Lo stesso vale anche per le multe automobilistiche, gli importi che vengono determinati per un tipo di sanzione sono poi soggetti a variazione nel tempo poiché progressivamente aumentano le ammende legate al mancato versamento e queste rischiano di diventare veramente cifre corpose.

Bollo auto cancellato
Sanatoria debiti auto (Ossinotizie)

Sanatoria: cosa si potrà non pagare

La nuova sanatoria ha disposto, relativamente a multe non pagate e bollo auto, la cancellazione delle pendenze con delle regole precise che permettono di sanare la propria posizione debitoria nei confronti dello Stato. Nella tregua fiscale della Legge di Bilancio sono state fissate delle novità interessanti ovvero degli strumenti che permettono ai cittadini di migliorare il loro debito.

In particolare la maggiore rilevanza è data da due possibilità: la rottamazione quater che consente di eliminare tutte le maggiorazioni subite e lo stralcio delle cartelle che invece riguarda gli importi fino a 1000 euro (nella totalità, non solo quindi per le aggiunte legate a ritardi e omissioni).

Nel primo caso vengono quindi cancellati gli importi che si sono determinati nel tempo perché l’utente non ha pagato ed è stato quindi multato ma restano comunque le somme da versare che erano dovute sin dal principio. Nel secondo caso per tutte quelle cartelle fino a 1000 euro vengono cancellate completamente le somme, siano esse composte dal credito dovuto che da multe e sanzioni aggiuntive.

Multe e bollo auto: come funziona la cancellazione

Quindi per quanto riguarda le multe e il bollo auto le regole sono diverse e si può aderire a questo beneficio. Mentre le multe vengono elevate direttamente dai Comuni, il bollo è una tassa regionale.

Per le multe quindi dipende, se le violazioni sono relative al Codice della Strada e al di sotto dei 1000 euro saranno cancellate automaticamente (se emesse entro il 2015), se l’importo è superiore ai 1000 euro invece sarà detratta questa somma e resterà da pagare il resto. Tuttavia il Comune di residenza potrebbe non aderire allo stralcio e quindi in questo caso si può scegliere spontaneamente e previa domanda di aderire alla rottamazione quater in modo da pagare comunque la somma ma eliminare gli aumenti.

Per il bollo auto in realtà c’è un po’ di confusione e bisognerà aspettare chiarimenti. Questo viene definito come tributo erariale, n questo caso potrebbe non rientrare effettivamente nello stralcio e quindi probabilmente sarà possibile chiedere la definizione agevolata almeno cancellando sanzioni e interessi.