26052019Ultime notizie:

“Sport terapia, a tu per tu”, un progetto per superare le disabilità, anche quelle socioeconomiche

bambini calcio ridOssi, 27 luglio 2016. “Sport terapia, a tu per tu” è un progetto finanziato dalla Fondazione Banco di Sardegna su richiesta dell’Asd Polisportiva Ossese, della Coop. Serenissima, della Coop. Pegaso e dell’Asd Pegaso Sport in collaborazione con il Comune di Ossi e una serie di partner. 

“Alla base del progetto – spiegano gli organizzatori – c’è l’esigenza di combattere due delle peggiori disabilità che caratterizzano la nostra società: la disabilita psicofisica o motoria, e la “disabilità socioeconomica””

Il progetto è così indirizzato a quelle famiglie che a causa di situazioni familiari ed economiche complesse, spesso non riescono ad avere accesso ad attività di gioco, divertimento ed attività fisica per i propri figli.

“Sport terapia, a tu per tu” è suddiviso in varie parti ed ha avuto inizio il due giugno con l’organizzazione del torneo regionale Ossese Day al quale hanno partecipato circa 50 squadre provenienti da tutta la Sardegna.

Si trattava solo di un primo step, infatti per l’estate 2016 verranno offerte, alle famiglie in possesso dei requisiti sopra indicati, ulteriori nuove occasioni per attività ludico ricreative e sportive che saranno gestite da tecnici specializzati. All’interno dell’area del campo sportivo W. Frau saranno inoltre montate alcune piscine fuori terra consentendo così agli utenti di essere stimolati sia nella realizzazione di progetti che nelle attività acquatiche.

A partire dal mese di settembre, grazie ad una selezione effettuata in collaborazione con il comune di Ossi, agli utenti con difficoltà economiche sarà offerto gratuitamente il servizio sportivo “scuola calcio” che consentirà ai ragazzi di confrontarsi con coetanei sia provenienti da tutta la regione che impegnati con alcune di livello internazionale.

Nel periodo che va da settembre a dicembre 2016 verranno inoltre organizzati degli incontri rivolti soprattutto a genitori di bambini con disabilità, ai quali alcuni specialisti offriranno un servizio di assistenza psicologica ed educativa.

A tutti i bambini saranno inoltre rivolte attività di sensibilizzazione su temi come il bullismo e l’integrazione dei coetanei con disabilità.

In alcuni di questi incontri saranno inoltre coinvolte la Consulta Giovanile di Ossi ed alcune associazioni universitarie.

What Next?

Articoli correlati

Leave a Reply

Submit Comment


Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.