26042018Ultime notizie:

Budroni: la verità sull’assenza di “Motivatissimi” all’ultimo consiglio comunale

Gianmaria Budroni_040Tissi, 17 marzo 2018. “La verità va sempre appurata con fatti concreti e non con accuse tendenziose  che circolano sui mezzi di stampa, dove il gruppo di minoranza “motivatissimi “ appare più  per mero protagonismo che per effettiva e concreta sostanza.” A dichiararlo è il sindaco di Tissi Gianmaria Budroni che prosegue: “Premesso che chi è assente ha sempre torto, un gruppo che strumentalmente e volutamente si assenta all’assemblea più rappresentativa – con l’aggravante che il punto più importante all’ordine del giorno era l’approvazione del bilancio di previsione 2018/2020 – venendo meno al proprio dovere e non rappresentando i propri elettori,  manca di rispetto a  tutto il consiglio comunale e a tutta la cittadinanza.
A loro dire – prosegue Budroni – i punti all’ordine del giorno (16) erano troppi, con la motivazione della mancanza di tempo utile per la discussione di tutti gli argomenti previsti. Questo può ritenersi un motivo valido per assentarsi strumentalmente dal consiglio? O forse sarebbe stato più sensato partecipare all’attività consiliare per poi proporre al sindaco il rinvio di alcuni punti all’ordine del giorno? Sinceramente non solo lo avrei gradito di più ma avrei anche accettato, in piena coerenza con una dialettica che dovrebbe essere alla base di un percorso amministrativo comune nel quale tutti partecipiamo seppure mantenendo posizioni diverse. Avranno per caso avuto paura di confrontarsi su contenuti e temi concreti? Credo proprio di sì  perchè la verità è che il bilancio da noi approvato è ambizioso e caratterizzato da programmazione, sostanza ed obiettivi concreti. 
Si tratta in sintesi – prosegue il sindaco – di un vero e proprio cambio di rotta per il nostro paese. Comunque il Consiglio ha visto la presenza della maggioranza  e del gruppo di minoranza “TISSINMOVIMENTO” che, essendo presente, ha apportato proposte concrete  e votato favorevolmente il bilancio che alla fine è stato approvato all’unanimità.”

Tutte le accuse rivolte – conclude Gianmaria Budroni – sono totalmente false. Ancora una volta, ci si trova in presenza di atteggiamenti puerili, sterili ed improduttivi da parte di un gruppo di minoranza che, trovandosi privo di argomentazioni, si trincera dietro scuse fumose e si assenta da quella che è la vera ed unica sede di confronto democratico preferendo non affrontare un percorso che andrebbe invece condiviso ponendosi come unico scopo il raggiungimento del bene comune”.

What Next?

Articoli correlati

Leave a Reply

Submit Comment


Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.