Non buttare i tuoi vestiti usati: ecco cosa puoi farci

Se hai la casa piena di vestiti usati e non sai più cosa fartene, non buttarli: scopri tutti i modi per riciclarli e dargli nuova vita

Oggi come oggi, a causa delle maggiori disponibilità economiche rispetto a una volta e grazie anche al fast fashion che consente di avere abiti a poco prezzo e di scarsa qualità, abbiamo tutti gli armadi stracolmi di vestiti di qualunque tipo. In molti casi, però, quelli che effettivamente usiamo sono pochissimi e ce n’è sempre un bel gruppo che non indossiamo mai, perché non ci vanno più bene o perché non ci piacciono.

Vestiti usati, cosa puoi farci
Vestiti usati, riciclali così: fa bene alla mente e all’ambiente- Ossinotizie.it

In questo caso, sebbene la tentazione di buttarli via per lasciare spazio a nuovi acquisti sia tanta, un buon gesto è quello di riciclarli: in questo modo potranno essere d’aiuto a qualcuno che non se li può permettere, oppure saranno ottimi per la creazione di qualche altro manufatto, da usare o da regalare. Ecco quindi tutte le vie di riciclo degli abiti usati.

Dare nuova vita agli abiti usati: cosa si deve fare

La questione del riciclo degli abiti usati non è riferita solo ad un vantaggio etico ed economico, ma anche ambientale: si stima che in Europa ogni cittadino consumi circa 26 kg di prodotti tessili all’anno, smaltendone solo 11 kg. La maggior parte finisce in discarica o viene incenerito: riuscire ad allungare il ciclo di vita dei vestiti, quindi, è una buona abitudine che dovremmo assumere tutti.

Vestiti usati, cosa puoi farci
Vestiti usati: tutti i modi per riutilizzarli- Ossinotizie.it

Un primo modo utile per dare nuova vita ai vestiti usati è quello di venderli sulle applicazioni dedicate, come Vinted: qui si possono mettere in vendita i propri capi e, parallelamente, si possono acquistare quelli usati da altri. In alternativa, se si conosce qualcuno che potrebbe indossarli, li si può anche regalare o scambiare: in America stanno diventando molto famosi gli Swap Party, occasioni dove diverse donne si riuniscono, portando con sé i capi che non indossano più, vendendoli tra di loro o scambiandoseli l’una con l’altra.

Un altro modo per dare nuova vita ai capi usati è quello delle raccolte di beneficienza, organizzate da molti comuni così anche da diverse associazioni sul territorio. L’importante, in questo caso, è che gli abiti siano in buono stato, puliti e confezionati in buste chiuse. Da qualche anno, poi, ci sono anche diversi negozi che ritirano capi usati: uno di questi è H&M che, per ogni busta di prodotti tessili anche in pessimo stato riportata al negozio, dà dei buoni sconto per successivi acquisti.