29112020Ultime notizie:

Tissi, un finanziamento di 700.000 euro per ridare vita a Via Roma

Tissi, 21 agosto 2020. In arrivo dalla Regione un finanziamento di 700.000 euro grazie alla lungimiranza dell’Amministrazione Comunale che non si è fatta trovare impreparata con un progetto esecutivo già redatto.
Si tratta dei lavori di “Sistemazione e messa in sicurezza dei marciapiedi e della viabilità carrabile di via Roma” che risponde all’obiettivo di concludere opere già avviate con precedenti interventi di messa in sicurezza e riqualificazione delle aree pedonali e carrabili esistenti fortemente deteriorate e soggette, nel tempo, a lavori puntuali per la realizzazione di sottoservizi di diverso genere.
A completamento dell’intervento la valorizzazione della via principale con la realizzazione della pavimentazione pedonale in parte già realizzata sul tratto basso della via Roma.
L’intervento di riqualificazione consentirà di eliminare le numerose interferenze presenti e l’inserimento di nuovi spazi a verde in quota con le aree pedonali, così da massimizzare fruibilità dei luoghi.
“Una serie di lavori che, da un lato andranno ad impattare sul livello estetico dell’intera via Roma e dall’altro consentiranno la risoluzione di annose problematiche più volte manifestate dalla cittadinanza. Tra queste l’esigenza di convogliare nuovamente le acque meteoriche che, allo stato attuale, defluiscono a livello superficiale con conseguenti allagamenti dei piani interrati e gravi disagi alla cittadinanza. Problemi insomma che noi vogliamo risolvere in modo definitivo” ha commentato il sindaco di Tissi Gianmaria Budroni.
Gli interventi interesseranno anche la pavimentazione stradale prevedendo, ove necessario, il ripristino delle quote originarie tra l’asse stradale e i marciapiedi, garantendo così una migliore gestione del deflusso delle acque.
“Si è tenuto conto delle condizioni gravose in cui versano numerose abitazioni prospicienti la via in caso di evento piovoso e con tale intervento – ha commentato Budroni – si è ritenuto necessario provvedere con una soluzione che consenta una ottimale raccolta e gestione delle acque meteoriche consentendo dunque il ripristino delle condizioni di sicurezza della viabilità carrabile.
In relazione alle risorse assegnate si è inoltre previsto il totale rifacimento della sede stradale nella parte alta della via, a valle del tratto lastricato di recente realizzazione, mentre nella parte inferiore, considerate le migliori condizioni, si è ritenuto opportuno prevedere il solo rifacimento del manto bituminoso, previa scarifica di quello esistente.
“Il presente progetto – commenta il sindaco GianMaria Budroni – ha l’obiettivo di riordinare il tessuto urbano del Comune di Tissi, andando a riprogettare gli spazi comuni della via principale del paese, definendone un’impronta architettonica comune, nel rispetto degli interventi già autorizzati verso la parte alta della rete viaria, garantendo la messa in sicurezza degli attuali spazi che negli anni sono stati oggetto di interventi ed interferenze che ne hanno compromesso funzionalità ed adeguatezza.
Particolare importanza è stata data alla realizzazione di nuovi spazi verdi ed alberati, carenti e poco razionali nell’interno contesto cittadino, arricchendo la via di elementi verdi capaci di fornire maggiore respiro all’assetto urbano esistente.
Ove possibile – prosegue il sindaco -si è cercato di valorizzare i marciapiedi, ampliando gli spazi ad uso esclusivo dei pedoni e cercando di evitare una riduzione sensibile degli stalli destinati al parcheggio dei mezzi. Nelle banchine stradali laterali si è prevista la raccolta delle acque meteoriche mediante la completa riprogettazione del tratto stradale in funzione delle effettive portate.
Per quanto concerne i luoghi dedicati al parcheggio degli automezzi, si è previsto un completo spostamento degli stessi sul lato sinistro rispetto all’asse viario (direzione a salire), “liberando” così la visuale ed il percorso pedonale per la ricongiunzione architettonica tra la Chiesa di Sant’Anastasia e la Chiesa di Santa Vittoria. Sugli spazi pedonali a sinistra dell’asse viario si sono dunque ricavati gli spazi per la formazione di nuove alberature, cercando di rispondere all’esigenza ecologica presente nel tessuto urbano.
Concetto principale quindi è la ricongiunzione ideologica e architettonica tra la Chiesa di Santa Anastasia e la Chiesa di Santa Vittoria, utilizzando come materiali di riferimento per gli spazi pedonali il calcestruzzo architettonico e la trachite. Soluzioni già state adottate negli interventi precedenti che hanno interessato la parte alta e quella bassa del percorso.
Un’analisi storica e fotografica ha consentito di accertare che la via principale del centro urbano di Tissi risultava già bitumata a fine anni ’60, con la formazione di due cunette laterali che permettevano il deflusso delle acque meteoriche. Sulla base di tali considerazioni, si è cercato di riprodurre lo stato dei luoghi presenti all’epoca, sempre nell’intento di non stravolgere i concetti già espressi con i precedenti interventi.
Differentemente dal lavoro eseguito sulla parte alta della via, opteremo per la separazione degli spazi tra percorsi viari e percorsi pedonali, andando a determinare una differenza di quota tra i due piani e una variazione cromatica che consentirà l’immediata comprensione dei flussi esistenti lungo la viabilità principale del paese. Nell’attuale progetto quindi si provvederà alla messa in opera dei marciapiedi che saranno realizzati con l’uso di calcestruzzo architettonico e trachite rossa scura. La viabilità veicolare sarà caratterizzata da un rifacimento della bitumatura ormai deteriorata.
Lungo i marciapiedi oggetto di rifacimento saranno messe a dimora alberature regolari e posate panchine e porta rifiuti in appositi spazi destinati alla sosta e alle attività sociali.
Abbiamo messo in atto e programmato opere ed interventi per dare un volto nuovo al paese – conclude Budroni – che sarà più curato, ordinato e moderno, ma soprattutto più fruibile da tutti. Il decoro è presupposto fondamentale per la fruibilità degli spazi urbani consentendo, tra l’altro, di rafforzare la sensazione di sicurezza da parte dei cittadini”.

 

What Next?

Articoli correlati

Leave a Reply

Submit Comment


Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.