18102017Ultime notizie:

Sardigna Nostra: l’invasione continua! E lo ius soli?

ius-soli-senatoOssi, 30 giugno 2017. Pubblichiamo di seguito, prima in italiano e poi in sardo, la posizione del Movimento Identitario Sardina Nostra sulla controversa questione dello ius soli.

Sardigna Nostra: l’invasione continua! E lo ius soli? Un ottimo incentivo per far giungere qui le loro donne.

Durante le guerre di conquista i Romani avevano catturato e portato nell’Urbe migliaia di prigionieri immettendoli nel mercato degli schiavi. Marco Licinio Crasso ne possedeva più di mille e, quando nel 63 a.C. fu implicato nella congiura di Catellina, era uscito indenne dal processo per il fatto che la sua condanna avrebbe costituito una minaccia per l’ordine pubblico a causa di tutte quelle bocche da sfamare.

Il bottino di guerra non fu distribuito equamente fra la popolazione e l’afflusso di quella massa di gente aveva rotto gli equilibri sociali che fino ad allora avevano caratterizzato la Repubblica delle origini. Con l’avvento della dittatura di Silla, nell’82 a.C., il lusso e il denaro avevano reso i ricchi ancora più avidi di potere spingendoli a sovvertire la tradizione antica degli equilibri di governo. Fu questo il passo decisivo verso il consolidamento di un sistema basato sui privilegi, che portò inesorabilmente prima alla guerra civile poi alla dittatura del Principe.

Il cittadino romano medio, piccolo proprietario terriero o artigiano, che voleva mantenere il tenore di vita precedente e che non poteva permettersi il possesso di schiavi, doveva competere con questa forza lavoro a basso costo e, non riuscendoci, spesso si indebitava. Questo rappresentava per lui l’esposizione del suo nome al pubblico e, quando non poteva saldare il dovuto, la perdita della libertà, diventando egli stesso, cittadino romano, schiavo del suo creditore.

Oggi le guerre di conquista si combattono diversamente: si arma una fazione di un paese terzo contro un’altra e si aspetta che la guerra faccia il suo corso; si finanzia un territorio per coltivare un prodotto in regime di monopolio e poi si stabilisce il prezzo di quel bene. Il risultato di queste politiche porta inevitabilmente all’emigrazione di migliaia di persone da quei territori verso i paesi ricchi. A questo punto, per lo Stato ospitante, è come andare a comprare al mercato degli schiavi.

Il Governo italiano, per accaparrarsi una fetta consistente di questo mercato e per prendere i finanziamenti della Comunità Europea, sta mostrato agli immigrati la caramella dello stato sociale garantito. Per cui fa finta di controllare le frontiere e lascia che milioni di persone entrino illegalmente nel paese. L’afflusso di questa massa enorme di individui sta però creando una frattura nella società: il cittadino medio che deve pagare con tasse sempre più alte il mantenimento di questa forza lavoro destinata ai ricchi o si impoverisce o si indebita.

Questi cittadini, non potendo pagare il dovuto, finiscono, come nel periodo ultimo della Repubblica romana, per diventare essi stessi schiavi del sistema. Il loro nome viene affisso nei registri dei creditori i quali, attraverso il braccio armato di Equitalia (cucù Equitalia non c’è più, rinominata Agenzia delle Entrate – riscossione), sequestrano loro anche la dignità.

Giusto il 29 giugno 2017 sono entrati in Sardegna più di 900 immigrati, proprio quando il Presidente del Consiglio Italiano chiedeva agli altri membri della Comunità Europea altri aiuti, non logistici per fermare il flusso di clandestini, ma economici per farne giungere altri ancora, minacciando in caso contrario di non ricevere più nei porti italiani le navi ONG battenti bandiera straniera. In altre parole i nostri governanti hanno detto ai loro omologhi del resto d’Europa: dateci i soldi altrimenti non accoglieremo più i migranti e li faremo sbarcare da voi.

Ma l’acquisto di schiavi nel mercato internazionale non finisce qui. E’ in fase di discussione al Senato la legge sullo “Ius soli”, già passata alla Camera, che prevede la concessione della cittadinanza italiana ai figli dei migranti nati in Italia dopo un breve periodo di soggiorno permanente. Questo significa che se fino a oggi sono giunti illegalmente in Italia, e quindi in Sardegna, in prevalenza uomini in età riproduttiva, da domani potrebbero giungere, con l’incentivo dello “Ius soli”, anche le loro donne, per figliare nei nostri luoghi.

Noi di “Sardigna nostra” siamo fermamente contrari a questa politica scellerata, che è già diventata incontrollabile. I costi sociali per mantenere queste persone stanno diventando insostenibili per chi vive e fatica ad andare avanti nella nostra terra. Vogliamo che i flussi migratori siano controllati e gestiti in rapporto alle reali necessità lavorative dei territori in cui gli immigrati vengono accolti, e non in base a quote di assegnazione matematiche stabilite sulla carta.

Noi di “Sardigna nostra” vogliamo costruire una Sardegna democratica di uomini liberi, e non uno Stato governato dal Principe che dispensa privilegi ai suoi pochi accoliti schiavizzando la maggioranza dei cittadini.

Sardigna Nostra: s’invasione est sighende! E su ius soli? Un’òtimu inchentivu pro fàghere bènnere a inoghe sas fèminas issoro.

In s’interis de sas gherras de cunchista sos Romanos aiant tenturadu e giutu a s’urbe mìgias de presoneris faghènde·los intrare in su mercadu de sos iscravos. Marcus Licinius Crassus nde apoderaiat prus de milli e, cando in su 63 a.C. l’aiant implicadu in sa congiura de Catellina, nde fiat essidu indenne dae su protzessu pro su fatu chi sa cundenna sua diat àere pòdidu costituire una minetza a s’òrdine pùblicu pro neghe de totu cussas bucas de isfamenare.

Su siddadu de gherra non fiat istadu partzidu bene intre sa populatzione e sa trumada manna de cussa gente aiat segadu sos echilìbrios sotziales chi finas a tando aiat caraterizadu sa Repùblica de sas orìgines. Cun s’aventu de sa ditatura de Silla, in su 82 a.C., su lussu e su dinari aiant rèndidu sos ricos galu prus abramidos de podere ispinghènde·los a bortulare sa traditzione antiga de sos echilìbrios de guvernu. Fiat istadu custu su passu detzisivu deretu a s’afortigamentu de unu sistema basadu subra sos privilègios, chi aiat giutu manu manu in antis a sa gherra tzivile e a pustis a sa ditatura de su Prìntzipe.

Su tzitadinu romanu mèdiu, proprietàriu terrieru minore o artesanu, chi cheriat mantènnere su tenore de vida de in antis e chi non si podiat permìtere s’apoderamentu de iscravos, depiat cumpìtere cun custa fortza de traballu a bassu costu e, non resessènde·bei, de ispissu s’indepidaiat. Custu rapresentaiat pro issu sa mustra de su nùmene sou a su pòpulu e, cando non podiat saldare su dèpidu, sa pèrdida de sa libertade benende a èssere issu etotu, tzitadinu romanu, iscravu de su creditore sou.

Oe sas gherras de cunchista si faghent in manera diferente: si armat una fatzione de un paese tertzu contra un’àtera e s’isetat chi sa gherra fatzas s’andera sua; si finàntziat unu territòriu pro prantare unu prodotu in regime de monopòliu e dapoi si faghet su preju de cussu bene. Su resurtadu de custas polìticas giughet manu manu a su disterru de mìgias de pessones dae cussos territòrios deretos a sos paeses ricos. A custu puntu, pro s’Istadu istrangiadore, est comente a andare a comporare in su mercadu de sos iscravos.

Su Guvernu italianu, pro s’acaparrare una fita manna de custu mercadu e pro leare sos finantziamentos de sa Comunidade Europea, est mustrende a sos immigrados sa caramella de s’istadu sotziale garantidu. Pro tantu faghet finta de bardiare sas frontieras e lassat chi milliones de pessones intrent illegalmente in su territòriu. Sa trumada manna de custa massa de pessones est peroe criende una segadura in sa sotziedade: su tzitadinu mèdiu chi depet pagare cun tassas semper prus artas su mantenimentu de custa fortza traballu distinada a sos ricos o s’impòverat o s’indèpidat.

Custos tzitadinos, non podende pagare su dèpidu, acabbant, comente in s’ùrtimu perìodu de sa Repùblica romana, a èssere issos etotu iscravos de su sistema. Su nùmene issoro benit mustradu in sos registros de sos creditores chi, pro mèdiu de su bratzu armadu de Equitalia, li secuestrant fintzas sa dignidade.

Giustu su 29 de làmpadas 2017 sunt intrados in Sardigna prus de 900 immigrados, pròpiu cando su Presidente de su Cossìgiu Italianu pediat a sos àteros membros de sa Comunidade Europea àteros agiudos, non logìsticos pro frimmare s’andera de sos clandestinos, ma econòmicos pro nde fàghere bènnere àteros ancora, minetzende in casu contràriu de non retzire prus in sos portos italianos naves ONG chi bèntulant bandela istràngia. In àteras peràgulas sos guvernantes nostros ant naradu a sos omòlogos de su restu de Europa: dàde·nos su dinari si nono no amus a retzire prus migrados e los amus a fàghere isbarcare in logu bostru.

Ma sa còmpora de iscravos in su mercadu internatzionale non finit inoghe. S’est chistionede in Senadu sa lege de su “Ius soli”, giai passada in sa Càmera, chi prebidet sa cuntzessione de sa tzitadinàntzia italiana a sos fìgios de sos migrantes nàschidos in Italia a pustis de unu perìodu curtzu de sogiornu permanente. Custu cheret nàrrere chi si finas a oe sunt bènnidos illegalmente in Italia, e pro tantu in Sardigna, pro su prus òmines in edade reprodutiva, dae cras diant pòdere bènnere, inganadas dae su “Ius soli”, fintzas sas fèminas issoro, pro figiare in logu nostru.

Nois de “Sardigna nostra” semus resoludos contra a custa polìtica chentza cabu, chi est giai fuida de manu. Sos costos sotziales pro mantènnere custas pessones sunt benende a èssere insustenìbiles pro chie bivet e leat matana pro andare a dae in antis in sa terra nostra. Cherimus chi sos flussos migratòrios siant controllados e ammaniados cunforma a sas reales netzessidades de traballu de sos territòrios in ube sos immigrados benint retzidos, e non in base a cuotas de assignatzione matemàticas istabilidad in sa carta.

Nois de “Sardigna nostra” cherimus frabicare una Sardigna democràtica de òmines lìberos, e non un’Istadu lassadu in manu a su Prìntzipe chi frunit privilègios a sos pagos rufianos suos iscravizende sa majoria de sos tzitadinos.

What Next?

Articoli correlati

Leave a Reply

Submit Comment


Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.