28022020Ultime notizie:

Differenziata: Ossi precipita al 48° posto, Tissi sale al 6°

raccolta_differenziata

Ad Ossi, tra il 2011 ed il 2012, i costi pro capite sono cresciuti di oltre il 13% 

Era il 2010 quando il sindaco e l’assessore all’ambiente del Comune di Ossi vantavano con orgoglio i dati sulla raccolta differenziata 2008 pubblicati dall’Arpas. In tutta la provincia solo i tre comuni di Bessude, Ittireddu e Cossoine avevano fatto meglio ed Ossi che, con una percentuale di differenziazione pari al 61,9%, si attestava al 4° posto tra i 66 comuni della provincia di Sassari.
Lo scorso gennaio, l’Agenzia Regionale per l’Ambiente della Regione ha reso noto, con la pubblicazione del 14° Rapporto Regionale dei rifiuti urbani in Sardegna, lo stato delle cose a tutto il 2012.
Il dato che si legge è chiaro: Ossi è precipitato dalla 4° posizione del 2008 alla 48° del 2012. La percentuale di differenziazione dei rifiuti, che nel 2009 era riuscita ad arrivare al picco più alto mai raggiunto pari al 64,6%, è scesa in 3 anni del 5,9% attestandosi, con il 58,7%, ad un valore più basso di quello di quattro anni prima.

Il dato del 2008 era stato letto in maniera particolarmente positiva anche alla luce del fatto che i primi tre comuni (Bessude, Ittireddu e Cossoine) avevano inseme una popolazione orientativamente pari a quella del solo quartiere di Sos Pianos. E la bontà del dato stava proprio nel fatto che più è grande il comune e più è difficile raggiungere percentuali elevate di differenziata. Eppure in questi ultimi anni Ossi è stata abbondantemente superata anche da paesi ben più popolati come Ittiri (8802 abitanti), Sennori (7405 abitanti) e Sorso (14389 abitanti).
Anche i costi, pur rimanendo abbondantemente sotto la media della provincia, sono lievitati. Mentre nel periodo 2008-2011 si è assistito ad una graduale riduzione degli stessi, in un solo anno, dal 2011 al 2012, il costo pro capite per lo smaltimento dei rifiuti è cresciuto del 13,37% (a fronte di una crescita media nella provincia del 2,24%) passando da 83 a 94,10 euro per abitante, annullando tutti i progressi fatti e riportando l’onere a carico dei cittadini ad un valore ben al di sopra degli 89,14 euro pro capite del 2008.

Diverso è il caso del comune di Tissi che dalla 35° posizione del 2008 è risalito fino alla 6° posizione del 2012 incrementando la percentuale di differenziata di ben il 13,7%, portandola dal 52,90% del 2008 al 66,6% del 2012. Tuttavia i costi crescono anche a Tissi e passano dai 100,36 euro del 2008 ai 104,88 del 2012, registrando una crescita del 6,88% rispetto al dato migliore di € 98,11 pro capite toccato nel 2010.

1Andamento RD Ossi e Tissi 2007-2012

1TABELLA RIFIUTI

1Andamento Costi immondizia Comune di Ossi

What Next?

Articoli correlati

Leave a Reply

Submit Comment


Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.