13082020Ultime notizie:

Il Comandante dei vigili risponde alle critiche di Insieme per Ossi

Paletta polizia municipale ritaglioOssi, 6 luglio 2016.  Lo scorso 27 giugno, sulla pagina facebook del gruppo minoritario Insieme per Ossi, è comparsa una nota con allegata copia di una determinazione dell’Area di Vigilanza.
La determina, datata 21 giugno 2016, aveva ad oggetto “Iscrizione al seminario formativo di Arzachena il 07/08 giugno 2016, acquisto pacchetto didattico”.
Nel post si legge che obiettivo del gruppo guidato dalla consigliera Cossu era sottoporre all’attenzione dei lettori tre aspetti:

  • Secondo gli scriventi la determina riguardava un corso didattico già svoltosi
  • La funzione “formazione del personale” dal Comune di Ossi è stata delegata all’Unione dei Comuni del Coros e pertanto nessuna spesa può essere effettuata dal Comune per una materia su cui non ha più competenza
  • Sotto i 1000 euro è facoltativo ricorrere al mercato elettronico

Ancora una volta la superficialità e la fretta hanno dimostrato di essere amiche poco affidabili e, in un sol colpo, il gruppo di minoranza evidentemente ancora scosso dalla batosta elettorale di un anno fa, ha preso quelle che pare si siano rilevate due cantonate.
Bastava infatti leggere con attenzione 5 righe più sotto per comprendere che il corso di cui si trattava si dovrà svolgere nei giorni 7 ed 8 luglio e che l’indicazione posta nell’oggetto della determinazione era frutto di un mero errore materiale.

Il gruppo inoltre ha scritto facendo riferimento alla formazione del personale come funzione delegata all’Unione dei Comuni, ma in realtà la determina si riferiva al semplice acquisto di un libro!
Insomma un modo di fare assai superficiale che ha portato il comandante della Polizia Municipale di Ossi a sentirsi in dovere di pubblicare una nota sul sito istituzionale del comune per evidenziare quello che di fatto è stato un mal riuscito tentativo di strumentalizzazione di un atto amministrativo.

Di seguito il testo integrale della nota scritta dal comandante della Polizia Locale Gianni Pintus che potrete leggere anche sul sito istituzionale del comune di Ossi.

NOTA

Questa nota è doverosa per evidenziare quanto sia riduttivo da parte di chi cerca di strumentalizzare un  errore di data in una determinazione di impegno di spesa , redatta dal Responsabile dell’Area Vigilanza, e più precisamente la numero 12 reg. gen. 596 del 21 giugno 2016, avente per oggetto: iscrizione al seminario formativo di Arzachena il 07/08 giugno 2016, acquisto pacchetto didattico. Nella nota pubblicata in un  social network  (ed io mi vergognerei di farlo in quella sede) vengono messi in evidenza  alcuni punti di criticità e più precisamente: 1) che la determinazione porta la data del 21 giugno per pagare un pacchetto didattico di un corso già svoltosi (7-8 giugno 2016).   2) che  la funzione “formazione del personale”  del Comune di Ossi è stata delegata all’Unione dei Comuni e pertanto nessuna spesa può essere effettuata dal Comune per una materia su cui non ha più competenze (anche se trattasi di soli 20 euro). 3) che per gli acquisti di beni e servizi di importo inferiore a 1.000 euro è ammesso l’affidamento anche al di fuori del MEPA. Riguardo al punto 1) si precisa che è palese che si tratta di un errore materiale di data riportato solo nell’oggetto. Infatti bene avrebbe fatto chi ha preso l’iniziativa, di leggersi il contenuto dell’atto dove nelle premesse viene riportata la data esatta del seminario che è il 07 e il 08 luglio 2016. Non si tratta quindi della sanatoria per un corso già avvenuto, ma se si fosse letto bene l’oggetto, senza soffermarsi alla sola data  errata, che è un evidente errore materiale, si sarebbe ben capito che si tratta di  altro e cioè l’acquisto di un pacchetto didattico che altro non è che un libro professionale. Riguardo al punto 2) appare evidente una limitata conoscenza del contenuto dell’atto in quanto, sempre nelle premesse, si evince che si tratta proprio dell’acquisto di un pacchetto di materiale didattico in occasione della partecipazione  alle due giornate di formazione. Infatti non c’è nessun riferimento al fatto che si paghi per partecipare al corso, perché lo stesso è gratuito. Quindi non è uno sconfinamento di competenze in quanto la partecipazione è gratuita e non è neppure uno spreco di soldi, in quanto investire 20 euro per l’acquisto di un libro, al fine di approfondire le conoscenze professionali in una attività che ne ha necessità quotidianamente è il minimo che si possa fare. Riguardo al punto 3) non si ritiene entrate nel  merito. La legge dice tutto senza nessun commento. Continuo però a rendermi conto sempre di più quanto stesse a cuore l’Ufficio di Polizia Locale a certe persone. Prima hanno fatto in modo di snaturarlo ed ora vogliono che quei pochi che ci sono rimasti non riescano neppure ad avere le conoscenze professionali che li salvaguarda dall’ambiente lavorativo che è la strada, con tutti i rischi annessi e connessi, anche se  trattasi di soli 20 euro. Grazie della collaborazione.

Comandante della Polizia Locale.

(F.to Gianni Pintus)

What Next?

Articoli correlati

Leave a Reply

Submit Comment


Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.