05082020Ultime notizie:

Cramant “acantonamentu” sos 684 miliones de euro chi s’istadu nd’at bogadu a sa Sardigna

accantonamentum 015ritOssi, 11 febbraio 2017. Pubblichiamo un interessante articolo di Bartolomeo Porcheddu. Dopo il testo in sardo quello in italiano.

CRAMANT “ACANTONAMENTU” (AD CANTONAMENTUM) SOS 684 MILIONES DE EURO CHI S’ISTADU ND’AT BOGADU A SA SARDIGNA

Ite est un’acantonamentu? Indunu comunicadu istrìzile publicadu in su giassu de sa Regione Sardigna su Presidente Pigliaru discrivet in custa manera s’acantonamentu: […] unu contributu istraordinàriu a s’echilìbriu de sa finàntzia pùblica istatale chi s’est mudadu indunu prelievu fitianu a sos dannos de sa Sardigna chi cunsideramus ingiustu […]. Pro custu su Presidente de sa Regione ufitzializat sa detzisione de s’Esecutivu de impunnare a dae innantis de sa Corte Costitutzionale sa “Lege de istabilidade 2017”, obberusiat sa Finantziària natzionale, chi prebidet sa pròroga de sos acantonamentos finas a su 2020 pro implementare su fundu sanitàriu natzionale.

Su Presidente Pigliaru non narat peroe a cantu ammontant sos “acantonamentos”, chi sunt in s’òrdine de 684 milliones de euro a s’annu, nen chi nois non depimus implementare perunu fundu natzionale sanitàriu dae su momentu chi sa Regione contribuit a sa sola a s’ispesa sanitària sua, chi che leat prus de su 60% de su bilàntziu sardu. In prus, non cantìficat su costu chi s’at a diterminare si sas Regiones a Istatutu Ispetziale esserent segadas fora dae su Decretu de sa Presidèntzia de su Cossìgiu de sos Ministros subra su gasi naradu “Fondu Provìntzias e Tzitades Metropolitanas e Fundu Regiones”. In àteras paràgulas, custos prelievos fortzosos ant a pònnere in arriscu sèriu sa matessi guvernabilidade de s’Ìsula.

Ma faghimus unu passu in segus e andamus a bìdere s’acordu chi ant fatu carchi annu a como pròpiu custa majoria cun su Guvernu italianu cando sunt istados retirados sos recursos a sa Corte Costitutzionale presentados dae sa de innantis Giunta Cappellacci pròpiu subra sa chistione de sos acantonamentos. Sos guvernantes nostros aiant definidu sos acordos intre s’assessore Paci e su ministru Padoan “una tratativa frimma e fitiana cu s’Istadu” pro chi bi fiant sas cunditziones pro retirare totu sos recursos a sa Corte Costitutzionale, compresos cussos giai bìnchidos. Sa Badde de Aosta, chi imbetzes aiat sighidu in su recursu, at bìnchidu e como pedit in segus sos pròpios diritos.

Ma tando benit ispontàneu a nos preguntare: «Ma ite ratza de acordu ant frimmadu cun s’Istadu italianu Pigliaru e Paci, si como cherent presentare a sa Corte Costitutzionale sos matessi recursos chi ant retiradu carchi annu a como?»

Depet èssere sutzessu chi ant leadu carchi paràgula pro un’àtera, comente sutzedit cun sas prepositziones latinas “ad” cun “ab”, tantu sìmiles ma diametralmente opostas, in ue sa prima isprimit mòvida dae su logu e sa segunda mòvida a su logu. A esempru, si Pigliaru narat a Gentiloni: «Cherimus chi sos 684 milliones siant acantonados in su bilàntziu “nostru” (ad cantonamentum)» e Gentiloni li torrat resposta narende: «Semus de acordu, sos 684 milliones ant a èssere acantonados in su bilàntziu “nostru” (ad cantonamentum)», est narende sa matessi cosa ma dae una posidura diametralmente oposta. Pro tantu Pigliaru e Paci non si sunt abbistos chi Gentiloni diat àere dèpidu impreare sa partighedda “ab” e iscìvere: «Semus de acordu, sos 684 milliones ant a èssere acantonados in su bilàntziu “bostru” (abs cantonamentum).

“Acantonare” cheret nàrrere pònnere a banda, lassare a un’ala una summa de dinari comente reserva, e non bogare carchi cosa a carchi unu pro la pòdere impitare a praghere pròpiu. Pro tantu Pigliaru e sos àteros depent nàrrere innantis de totu chi cussu dinare est su nostru e su Guvernu non l’est acantonende pro nos lu torrare in segus, ma l’est prelevende dae sas cassas nostras pro l’impreare luego pro sese. In segundu logu, diant dèpere pedire iscùsia e si dimìtere pro custa ennèsima e grave “ad cantonatam” leada a dannos de su Pòpulu sardu.


CHIAMANO “ACCANTONAMENTO” (AD CANTONAMENTUM) I 684 MILIONI DI EURO CHE LO STATO HA SOTTRATTO ALLA SARDEGNA

accantonamentum 018 ritChe cos’è un accantonamento? In uno scarno comunicato pubblicato sul sito della Regione Sardegna il Presidente Pigliaru descrive in questo modo l’accantonamento: […] un contributo straordinario all’equilibrio della finanza pubblica statale che si è trasformato in un prelievo costante ai danni della Sardegna che consideriamo ingiusto […]. Per questo il Presidente della Regione ufficializza la decisione dell’Esecutivo di impugnare davanti alla Corte Costituzionale la “Legge di stabilità 2017”, ovverosia la Finanziaria nazionale, che prevede la proroga degli accantonamenti fino al 2020 per implementare il fondo sanitario nazionale.

Il Presidente Pigliaru non dice però a quanto ammontano gli “accantonamenti”, che sono nell’ordine di 684 milioni di euro l’anno, né che noi non dobbiamo implementare nessun fondo nazionale sanitario dal momento che la Regione contribuisce da sola alla sua spesa sanitaria, che costituisce oltre il 60% del bilancio sardo. Inoltre, non quantifica il costo che si determinerà ai danni della Sardegna qualora le Regioni a Statuto Speciale siano tagliate fuori dal Decreto della Presidenza del Consiglio dei Ministri sul cosiddetto “Fondo Provincie e Città Metropolitane e Fondo Regioni”. In altre parole, questi prelievi forzosi metteranno in serio pericolo la stessa governabilità dell’Isola.

Ma facciamo un passo indietro e andiamo a vedere l’accordo che è stato fatto qualche anno fa proprio da questa maggioranza con il Governo italiano quando sono stati ritirati i ricorsi alla Corte Costituzionale presentati dalla precedente Giunta Cappellacci proprio sulla questione degli accantonamenti. I nostri governanti avevano definito gli accordi tra l’assessore Paci e il ministro Padoan “una trattativa ferma e costante con lo Stato” per cui vi erano le condizioni per ritirare tutti i ricorsi presentati alla Corte Costituzionale, compresi quelli già vinti. La Valle d’Aosta, che invece aveva proseguito nel ricorso, ha vinto e ora chiede indietro i propri diritti.

Ma allora viene spontaneo chiederci: «Ma che razza di accordo hanno firmato con lo Stato italiano Pigliaru e Paci, se ora vogliono presentare alla Corte Costituzionale gli stessi ricorsi che hanno ritirato qualche anno fa?»

Deve essere accaduto che hanno scambiato qualche parola per un’altra, come accade con le preposizioni latine “ad” con “ab”, tanto simili ma diametralmente opposte, in cui la prima esprime moto da luogo e la seconda moto a luogo. Ad esempio, se Pigliaru dice a Gentiloni: «Vogliamo che i 684 milioni siano accantonati nel “nostro” bilancio (ad cantonamentum)» e Gentiloni replica dicendo: «Siamo d’accordo, i 684 milioni saranno accantonati nel “nostro” bilancio (ad cantonamentum)», sta dicendo la stessa cosa ma da una posizione diametralmente opposta. Quindi Pigliaru e Paci non si sono accorti che Gentiloni avrebbe dovuto utilizzare la particella “ab” e scrivere: «Siamo d’accordo, i 684 milioni saranno accantonati nel “vostro” bilancio (abs cantonamentum).

“Accantonare” poi significa mettere in un angolo, conservare da parte una somma come riserva, e non sottrarre qualcosa a qualcuno per poterla utilizzare a proprio piacimento. Pertanto Pigliaru e gli altri devono prima di tutto dire chiaramente che quei soldi sono nostri e il Governo non li sta accantonando per consegnarceli in seguito, ma li sta prelevando dalle nostre casse per utilizzarli immediatamente per se. In secondo luogo, dovrebbero chiedere scusa e dimettersi per l’ennesima e grave “ad cantonatam” presa ai danni del Popolo sardo.

What Next?

Articoli correlati

Leave a Reply

Submit Comment


Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.