22102017Ultime notizie:

Bartolomeo Porcheddu saluta Doddore Meloni: “Che i sardi tutti insieme ti aprano le porte del cielo”.

doddoreSassari, 6 luglio 2017. L’improvvisa morte di Doddore Meloni, incarcerato il 28 aprile scorso, ha lasciato sgomenti tutti coloro che hanno seguito la sua vicenda personale, conclusasi nel peggiore dei modi. Riportiamo l’addio  da parte del presidente di Sardigna Nostra Bartolomeo Porcheddu (Testo in italiano dopo quello in sardo).

Adiosu Doddore! Chi sos sardos totu umpare t’abbèrgiant sas giannas de su chelu.

«Ite balet prus de sa vida?» nos semus preguntados totu nois cando amus ischidu de su sacrifìtziu tou pro sa Patria. Ite àteru depias dimustrare a sos Sardos pro ti tènnere in cussideru? Pro ite no amus cumprèndidu chi sos protzessos in limba sarda fiant atos polìticos de importu mannu? Como totu nois nos intendimus miseràbiles ca non semus resèssidos a ti difèndere. Si esseres istadu militante de sa Lega non t’aiant àpidu nemmancu giutu a sentèntzia, ma nois non tenimus mancu fortza de mudare “Mal di Ventre” in “Malu ‘Entu”.

Como nos as lassadu a meledare, che dischentes in fraile chentza mastru, ammentè·nde·ti cun martzeddu in ferru ruju, e cun mustatzos temperados che atàrgiu. In sedda a unu caddu aladu, ti che ses andadu che sardu gherradore, in die nòdida de pèsperu a Santu Antine, comente sa bisura chi s’imperadore binchidore aiat àpidu sa die in antis de sa batalla cun Massèntziu. Atesiadu ti che ses dae su 30 de làmpadas, die malaita de Seddori, in ue sos Sardos pèrdidu ant s’indipendèntzia issoro.  

Cussu chi Doddore in sa vida as passadu, totu nois l’intendimus in su coro, ca non b’at Sardu chi non si siat mai indepidadu, o non tèngiat su sonàrgiu de Equitalia intro de domo. A giogadores, motociclistas o cantantes evasores s’Istadu cramadu at a chertare, a unu pòveru militante sardista, imbetze, sa galera l’at fatu assaborare, ca nde li cheriat bogare dae intrànnias non dinari ebbia ma cale si siat forma de dinnidade. Tue chi non ti ses chèrfidu mujare, cun sa vida as dèpidu pagare.

La lota tua siat de insinnamentu, a manera chi non bi siat prus unu Sardu a sa sola chi andet a cumbatare contra unu regimentu. Non bi depat èssere prus unu Iosto solu contra a sos Romanos o unu Guglielmu III de Arborea contra a sos Aragonesos, nen unu Giommaria Angioy solitàriu contra sos Piemontesos. Sardos, agatemus s’unidade pro andare a guvernare sa terra nostra e formemus nois etotu una fortza de contrapònnere a totu cussos chi, a unu a unu, nos cherent bìnchere in logu nostru.

De seguru, Doddore, in chelu as a agatare a Marianu IV de Arborea, chi t’at a dare su tìtulu de Conte de Malu ‘Entu, e a Giommaria Angioy, chi t’at a cantare in poesia sos versos de Frantziscu Innàtziu Mannu “Su patriotu sardu a sos feudatàrios – barones sa tirannia”. Adiosu Doddore! Chi sos Sardos totu umpare t’abbèrgiant sas giannas de su chelu dae sa Domus eterna tua.


Addio Doddore! Che i sardi tutti insieme ti aprano le porte del cielo.

«Cosa vale più della vita?» ci siamo chiesti tutti noi quando abbiamo saputo del tuo sacrificio per la Patria. Cosa altro dovevi dimostrare ai Sardi perché ti tenessero in considerazione? Per quale motivo non abbiamo capito chi i processi in lingua sarda erano atti politici importantissimi? Ora tutti noi ci sentiamo miserabili perché non siamo riusciti a difenderti. Se fossi stato militante della Lega non ti avrebbero neppure portato a sentenza, ma noi non abbiamo la forza neppure di cambiare “Mal di Ventre” in “Malu ‘Entu”.

Ora ci hai lasciato a meditare, come discenti in ferreria senza mastro, ricordandoti con martello in ferro rosso, e baffoni temperati come acciaio. In sella a un cavallo alato, te ne sei andato come un sardo guerriero, in giorno famoso del vespro a San Costantino, come la visione che l’imperatore vincitore ebbe il giorno prima della battaglia con Massenzio. Ti sei allontanato dal 30 di giugno, giorno maledetto di Sanluri, dove i Sardi hanno perso la loro indipendenza. 

Quello che Doddore ha trascorso in vita, tutti noi lo sentiamo nel cuore, poiché non c’è Sardo che non si sia mai indebitato, o non abbia il campanello di Equitalia dentro casa. A calciatori, motociclisti o cantanti evasori lo Stato ha chiamato a trattare, a un povero militante sardista, invece, la galera gli ha fatto assaporare, perché voleva togliergli dalle interiora non solo soldi ma qualsiasi forma di dignità. Tu che non ti sei voluto piegare, hai dovuto pagare con la vita.

La tua lotta sia di insegnamento, in modo che non ci sia più un Sardo da solo che vada a combattere contro un reggimento. Non ci debba essere più uno Iosto da solo contro i Romani o un Guglielmo III di Arborea contro gli Aragonesi, ne un Giommaria Angioy solitario contro i Piemontesi. Sardi, troviamo l’unità per andare a governare la nostra terra e formiamo noi stessi una forza da contrapporre a tutti quelli che, ad uno ad uno, vogliono vincerci in casa nostra.

Di sicuro, Doddore, in cielo troverai Mariano IV di Arborea, che ti darà il titolo di Conte di “Malu ‘Entu”, e Giommaria Angioy, che ti canterà in poesia i versi di Francesco Ignazio Mannu “Su patriotu sardu a sos feudatàrios – barones sa tirannia”. Addio Doddore! Che i Sardi tutti insieme ti aprano le porte del cielo dalla tua Domus eterna.

What Next?

Articoli correlati

Leave a Reply

Submit Comment


Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.