17092019Ultime notizie:

Lettera al Ministro: Lubinu dia risposte su Fundone!

Consiglio Comunale

“I cittadini hanno il diritto di sapere se ci saranno ripercussioni per loro, anche economiche, soprattutto attraverso l’aggravamento della tassazione”

I consiglieri di minoranza Nando Canu, Gavino Cassano, Gian Nicola Manca, Giovanni Mura, Patrizia Muresu, Cristiana Sanna e Sebastiano Solinas chiedono ancora una volta risposte sul caso Fundone. Questa volta lo fanno con una lettera indirizzata al Ministro  per la Pubblica Amministrazione e Semplificazione olte che al Prefetto di Sassari , al Dipartimento della Funzione Pubblica e al Direttore del Servizio Territoriale deli Enti Locali di Sassari. Circa un mese fa la maggioranza aveva deciso di imporre il silenzio sulla questione legata all’esproprio dei terreni dei fratelli Derudas rifiutando di mettere in discussione tre diverse interrogazioni promosse da Mura, dal gruppo Uniti per Rinnovare e dal gruppo autonomo di Canu e Muresu.
La maggioranza aveva posto la questione per eccesso di potere in quanto riteneva che il Consiglio non potesse deliberare su materie di competenza della Giunta né potesse condizionare la linea difensiva del Comune nel merito di una causa al Tar in corso. Il tutto veniva quindi rinviato a dopo il 26 novembre, cioè ad una data successiva al pronunciamento del Tar.
Ma come è possibile che attualmente il Consiglio non può deliberare su materie di competenza della Giunta però può farlo dopo il 26 novembre? Ogni questione pregiudiziale viene meno dopo quella data? E’ evidente, sostengono i consiglieri, che “non è l’eccesso di potere del Consiglio il problema (…) la questione posta dalla maggioranza non ha nessun fondamento, anzi è contraddittoria e illogica”.
La maggioranza si contraddice anche quando da un lato afferma che con la discussione si possono rendere pubbliche informazioni a danno della linea difensiva adottata dal comune  e dall’altro sostiene che tutte le informazioni utili richieste sono già state ampiamente dibattute.
E’ quindi indispensabile, si legge nella lettera, che “il Sindaco venga in Consiglio Comunale e chiarisca quanto sta accadendo (…) I cittadini hanno il diritto di sapere se ci saranno ripercussioni per loro, anche economiche, soprattutto attraverso l’aggravamento della tassazione”.

What Next?

Articoli correlati

Leave a Reply

Submit Comment


Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.